CarGlass e sicurezza: quando il parabrezza diventa fondamentale

Quando si parla di sicurezza, pensiamo subito ai nuovi sistemi elettronici che ormai troviamo su molte vetture, come ESP e ABS, ma soprattutto ai nuovi sistemi ADAS (Advanced Driver Assistance Systems), sistemi elettronici che permettono di evitare incidenti gravi o addirittura arrivare alla guida autonoma, come il radar e la telecamera frontale.

Parlando di sicurezza però, nessuno penserebbe mai al parabrezza. Molti di voi si staranno chiedendo cosa c’entri il parabrezza con i sistemi avanzati di sicurezza, ma come vedrete è una parte fondamentale per il loro corretto funzionamento.

L’evento CarGlass di Milano ha evidenziato come una parte così poco considerata dell’auto sia di fondamentale importanza, soprattutto per le nuove tecnologie.

Il parabrezza infatti ha alle sue spalle una scelta accurata di materiali, attenzione ad ogni più piccolo dettaglio e ricerca continua della perfezione. Tutto questo perchè anche solo la più piccola imperfezione può rendere un parabrezza instabile e pericoloso. In che modo?

Pensate ad esempio in caso di urto frontale: in pochi di voi forse sanno che l’airbag lato passeggero si apre appoggiandosi al parabrezza, che gli permette cosi di rimanere nell’abitacolo e di proteggere il passeggero.

Nel caso però in cui il parabrezza sia stato sostituito e fissato male, questo può staccarsi letteralmente in caso di urto, con una conseguente fuoriuscita dell’airbag ed una protezione pari a zero per il passeggero, come mostrato nel video.

VIDEO CRASH TEST PARABREZZA CARGLASS

Per questo motivo in CarGlass investono molto nella formazione, per fare in modo che i parabrezza vengano sostituiti ponendo grande attenzione alla pulizia delle superfici e alla qualità dei collanti.

Il collante infatti è ciò che unisce il parabrezza all’auto e se non è applicato correttamente potrebbe non riuscire a trattenere il parabrezza in caso di urto.

Il parabrezza e la telecamera anteriore

Evento-Carglass-tecnologia-parabrezza-e-sicurezza-1Insieme all’airbag però, il parabrezza è ormai di fondamentale importanza anche per le nuove tecnologie come la telecamera anteriore.

Nelle nuove vetture, la telecamera infatti è posta all’interno dell’abitacolo, appena sopra lo specchietto retrovisore centrale, e permette di mantenere la corsia in autostrada, leggere i cartelli ed i limiti di velocità e attivare la frenata automatica in città in caso di urto imminente.

Ma come si comportano questi sistemi nel caso in cui dovessimo sostituire il parabrezza della nostra auto?

In questo caso, la telecamera anteriore perderebbe i suoi punti di riferimento e per questo motivo dovrà essere tarata nuovamente.

Questo perchè quando si sostituisce un parabrezza, la telecamera perde la calibrazione e non sa esattamente dove si trova. Di conseguenza la frenata automatica non si attiverà più, così come la lettura dei segnali stradali e tutte le altre funzioni.

Per questi motivi i tecnici CarGlass sono stati formati per ricalibrare le telecamere di sicurezza, attraverso un’attenta procedura che prevede l’utilizzo di laser (per avere una precisione al millimetro) e di uno speciale pannello.

Evento-Carglass-tecnologia-parabrezza-e-sicurezza-2Una volta accertato che le ruote della vettura siano dritte ed in asse tra loro, i tecnici attiveranno una procedura di ricalibrazione della telecamera, dove questa, puntando su un apposito pannello con speciali punti di riferimento, confronterà quello che “vede” con un suo database interno.

Dopo pochi secondi, la telecamera sarà perfettamente ricalibrata e potrà svolgere il proprio lavoro per altre migliaia di km.

Come potete vedere quindi, il parabrezza svolge un ruolo fondamentale per quanto riguarda la sicurezza, nonostante sia un componente della vettura spesso ignorato o maltrattato.

Ricordate inoltre di richiedere sempre la calibrazione della vostra telecamera in caso di sostituzione del parabrezza.

Il futuro della sicurezza: la guida autonoma

Dalle ultime statistiche, i vertici Bosch hanno affermato che questi sistemi hanno permesso una riduzione degli incidenti gravi di oltre il 45% e prevedono di arrivare a quota 0% entro il 2020.

Per quanto riguarda la guida autonoma, in Bosch sostengono che con la tecnologia che ospitano oggi molte vetture basterebbero un paio di sensori in più per ottenere la guida autonoma e che entro il 2020 sarà già sulle strade di tutto il mondo. Questa tecnologia sarà in grado di evitare gravi incidenti, grazie anche alla interconnessione di tutte le vetture presenti sulle strade.

Gli amanti della guida e delle emozioni non vedranno sicuramente di buon cocchio la guida autonoma, ma quando si tratta di portare a zero gli incidenti gravi e mortali, non si può far altro che accettare la tecnologia.

Articoli simili

Author: Manuel Morlini

Share This Post On

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *