Nuova Renault Scenic: tra MPV, SUV e Crossover
Feb26

Nuova Renault Scenic: tra MPV, SUV e Crossover

Insieme alla Renault Megane Sporter, Renault presenterà a Ginevra 2016 la nuova Renault Scenic, versione rinnovata del famoso Monovolume francese che fa di tutto per rimanere fedele a se stesso e attuale, senza però dover diventare per forza una SUV a tutti gli effetti, Da questa prima foto ufficiale infatti, possiamo notare come la Scenic sia una perfetta fusione tra una Monovolume e un SUV compatto, ma non sia allo stesso tempo una Crossover. I designer francesi infatti sono stati molto bravi a mantenere forme da Monovolume e allo stesso tempo fondere il dna della Scenic con le proporzioni attuali di SUV e crossover che tanto piacciono al mercato. Un po’ come dire “la linea da SUV c’è, ma rimango pur sempre una monovolume”. Meccanica La nuova Renault Scénic 2016 utilizzerà la stessa piattaforma modulare CMF dalla nuova Megane, insieme alla gamma motori benzina e Diesel con potenze da 90 e 250 CV. Renault rimane così nel segmento delle monovolume e accontenta chi vuole spazio per la famiglia, ma riesce ad accontentare anche chi desidera un design non per forza da monovolume dichiarato. E da questa prima foto ufficiale sembra che ci siano riusciti perfettamente. La nuova Scenic infatti è robusta, fonde perfettamente le linee di SUV e Crossover, ma allo stesso tempo lascia capire che è una monovolume, attirando così non solo gli acquirenti delle monovolume, ma anche di chi vuole spazio, guida alta e design ricercato. Per tutte le informazioni, i prezzi ed i motori non ci resta che attendere Ginevra. IMMAGINI NUOVA RENAULT SCENIC 2016 [Show as...

Read More
BMW Compact Sedan: il concept della futura Serie 1 berlina
Nov23

BMW Compact Sedan: il concept della futura Serie 1 berlina

Il segmento delle berline compatte è in forte fermento e un grande interesse si sta sviluppando intorno a queste vetture, come dimostrano l’Audi A3 Sedan e la Mercedes CLA. All’appello delle berline compatte premium mancava solo BMW, che al salone di al Salone di Guangzhou (22 novembre – 2 dicembre 2015) presenterà la BMW Compact Sedan, concept car che anticipa le linee della futura nuova Serie 1 berlina a 4 porte. Disegnata dal centro stile BMW, la compact sedan concept si presenta con linee filanti, moderne e muscolose, prestando ovviamente grande attenzione al terzo volume posteriore, il quale deve sempre essere ben integrato con il resto della vettura e proporzionato. L’anteriore sfoggia nuovi fari a LED più sottili e schiacciati che vedremo sui futuri modelli, insieme a grandi passaruota e ad un posteriore massiccio e ben  piantato a terra. Essendo una concept car non potevano mancare dettagli futuristici ed enfatizzati, come le maniglie ad apertura a sfioramento ed i grandi cerchi in lega da 20″ pollici. In caso di produzione, la nuova serie 1 si convertirà molto probabilmente alla trazione anteriore, utilizzando il nuovo pianale UKL già adottato dalle nuove MINI, dalla BMW X1 e dalla Serie 2 active tourer (qui il test drive). INTERNI Anche l’abitacolo ha colori e linee da concept car, anche se molte soluzioni riprendono fedelmente stile e contenuti delle BMW attuali, rendendo molte parti di plancia “vicine” alla produzione. I rivestimenti per i sedili sportivi, volante e plancia sono in pelle Nappa di colore bianco, insieme a particolari color arancione acceso a contrasto, il tutto impreziosito da inserti in legno e alluminio. Futuristico anche il sistema di infotainment BMW iDrive, con comandi touch e schermo da 8,8″ pollici al centro. Nel complesso, queste nuove berline “compatte” (si parla comunque di  circa 4,5 metri) offrono spazio interno, bagagliaio ampio e presenza scenica del tutto simile alle grandi berline. Voi cosa ne pensate? Preferireste una Serie 1 hatchback o una Serie 1 berlina a 4 porte? FOTO UFFICIALI BMW COMPACT SEDAN CONCEPT [Show as...

Read More
Nuovo Fiat Fullback, il pick-up su base Mitsubishi
Nov10

Nuovo Fiat Fullback, il pick-up su base Mitsubishi

Robusto, di grandi dimensioni e dal nome azzeccato: il nuovo Fiat Fullback è il nuovo pick-up da lavoro della casa torinese, sviluppato utilizzando la base della Mitsubishi L200, tra i pick-up più noti nel mondo del lavoro. Presentato al Salone dell’Auto di Dubai, il Fullback sarà commercializzato in Europa, Medio Oriente e Africa e riprende quasi totalmente le linee della versione giapponese, rappresentando il secondo pick-up Fiat dopo la presentazione del Fiat Toro per il sud America. Lungo 5,2 metri, largo 1,78 e alto 1,77, con un passo di ben 3 metri, il Fiat Fullback mantiene lo stesso stile della L200 ed è disponibile sia nella versione a 2 posti (Club Cab) con cassone lungo oltre 2 metri (2,26 metri), sia nella versione a cabina estesa con 5 posti (Double Cab) e cassone lungo 1,56 metri e largo 1,47. Anteriore, fiancate e soluzioni esterne della versione Fiat sono le stesse della Mitsubishi, mentre a cambiare sono piccoli dettagli come la calandra anteriore con logo Fiat, la zona fendinebbia e altri inserti. Nel complesso però, si nota la volontà da parte di Fiat di offrire non solo un veicolo da lavoro, ma anche una vettura adatta per ogni utilizzo, anche giornaliero, dedicata a chi preferisce le auto di grandi dimensioni e ama farsi notare. Anche gli interni sono gli stessi della versione giapponese, anche se sono stati dotati di nuovi inserti più curati in nero lucido e nuovi materiali soft touch. MOTORI Per quanto riguarda le motorizzazioni, anche in questo caso Fiat ha mantenuto i motori Giapponesi. La gamma motori è composta quindi dal nuovo 2.4 diesel in alluminio da 150 o 180 CV, abbinato al cambio manuale a 6 marce o all’automatico a 5 rapporti e alla trazione integrale on demand. I prezzi saranno comunicati al momento del lancio e potete trovare altre foto su indianautosblog. FOTO FIAT FULLBACK [Show as...

Read More
Mazda RX-Vision, la concept che anticipa la nuova RX-8
Nov04

Mazda RX-Vision, la concept che anticipa la nuova RX-8

Al Salone di Tokio Mazda ha presentato la Mazda RX-Vision, una concept a motore anteriore e trazione posteriore, con propulsore rotativo di nuova generazione. Il nome scelto per la concept, RX-Vision, lascia intendere un legame con la Mazda RX-7, modello di grande successo (800.000 esemplari venduti) con motore rotativo Wankel. Molto gradevole nelle linee: sinuose, al punto che il profilo dell’auto sembra essere tracciato da un’unica tratto. L’abitacolo è piuttosto arretrato e il cofano motore molto allungato. I fari a taglio, con due strisce LED che sembrano costituirne due strane ciglia, insieme alla grande presa d’aria a bocca sulla calandra donano una grande sportività all’anteriore, che comunque risulta sempre gradevole ed legante. La linea di cintura è molto alta e la superfice dei finestrini laterali, che nel disegno richiama alcune produzioni Aston Martin, è piuttosto ridotta. Anche la fiancata risulta molto pulita, con unico fronzolo, se così lo vogliamo definire, una presa d’aria a taglio subito dietro il passaruota anteriore. Molto elegante e sportivo anche il posteriore, con l’estrattore che ingloba i due terminali di scarico ed i doppi fari rotondi, che in qualche modo richiamano alcune Ferrari. Infine uno spoiler, non troppo pronunciato, che prolunga le linee che partono dal lunotto posteriore molto inclinato, tagliando i fari sulla parte alta. MOTORE ROTATIVO Dal punto di vista tecnico dobbiamo sottolineare la presenza del motore rotativo di nuova generazione, Skyactiv-r. Purtroppo il comunicato Mazda non rilascia dettagli tecnici sul nuovo propulsore, che comunque resta una prerogativa quasi esclusiva del marchio. Con il motore rotativo Wankel (un propulsore che genera energia con il movimento di una serie di rotori triangolari che sostituiscono i pistoni), Mazda vinse la 24 ore di Le Mans nel 1991. Dunque considerando anche le parole del presidente della casa giapponese, Masamichi Kogai: “Non vedo l’ora di raccontarvi di più su questa visione che abbiamo rivelato oggi sullo stand Mazda”, possiamo immaginare che ci sarà ancora un futuro per il motore Wankel. FOTO MAZDA RX-VISION [Show as...

Read More
Fiat Toro: il pick-up per il Sud America
Oct21

Fiat Toro: il pick-up per il Sud America

Fiat ha rilasciato la prima immagine ufficiale della Fiat Toro, il nuovo pick-up di grandi dimensioni destinato al mercato sudamericano. Secondo la casa torinese il nuovo arrivato è destinato ad aprire un nuovo segmento di mercato quello dei SUP (Sport Utility Pick up). L’idea è quella di creare un pick up a “doppia cabina” (quindi 4 portiere) dalla linea accattivante e che possa attrarre il pubblico sia per la capacità di carico che per la posizione di guida rialzata. Per quanto riguarda le informazioni tecniche, per adesso sappiamo che è lungo ben 4.915 mm ed ha una portata massima di ben 1.000 kg. Il design è ispirato alla concept FCC4 (crossover presentata al Salone di San Paolo dello scorso anno). All’anteriore spiccano i fari allungati e sottili che fungono da luci diurne, mentreil faro vero e proprio è posto al di sotto. La grande presa d’aria della calandra centrale è attraversata da due listelli orizzontali e sulla fiancata invece troviamo due nervature che danno dinamicità alla linea rendendola meno pesante. Sono presenti anche delle protezioni sui passaruota, che comunque sembrano abbastanza alti, e sotto il  muso anteriore. Secondo alcune indiscrezioni il Pick up avrebbe dovuto condividere la meccanica con la Mitsubishi L200 ma così non è stato in quanto non ci sono informazioni ufficiali riguardo eventuali accordi con la casa giapponese. La Fiat Toro debutterà in Brasile nel 2016 e non ci sono ancora notizie ufficiali riguardo una eventuale commercializzazione in Italia. FOTO FIAT TORO PICK-UP [Show as...

Read More
Nuova Fiat 124 Spider: prime foto spia dagli USA
Oct06

Nuova Fiat 124 Spider: prime foto spia dagli USA

Il sito americano Jalopnik ha rilasciato le prime foto spia della nuova Fiat 124 spider, fotografata durante un photoshoot sulle strade degli americane prima del debutto che dovrebbe avvenire al Salone di Los Angeles (20-29 novembre). Costruita sulla base della nuova Mazda MX5 a trazione posteriore, la nuova Fiat 124 Spider ne prende le distanze per forme e linee decisamente più muscolose, che sembrano essere tagliate per i gusti dei clienti d’oltreoceano. Il frontale ed i fari anteriori, dal disegno rotondo, richiamano la 124 spider del 1966, mentre al posteriore i gruppi ottici rettangolari sono “vuoti” all’interno, proprio come sulla Fiat 500 restyling. Questa soluzione, insieme all’estrattore, al doppio scarico e allo spoiler accennato sopra il bagagliaio, contribuiscono a dare muscolosità e sportività alla vettura. Le proporzioni sembrano comunque le stesse della MX5 con il cofano motore allungato e la coda corta. A risaltare sono gli specchietti incernierati alla carrozzeria ed i montanti del parabrezza con colore a contrasto. La capote in tela dovrebbe essere ad azionamento manuale, a tutto vantaggio del peso. Gli interni non sembrano discostarsi molto da quelli della giapponesina da cui deriva e forse ci si sarebbe aspettato uno sforzo maggiore in termini di personalizzazione e di stile da una vettura italiana, ma la qualità degli interni giapponesi non si discute. MOTORI Non c’è ancora nulla di ufficiale per quanto riguarda la gamma motori della nuova Fiat 124 Spider, anche se le ultime voci dicono che dovrebbe montare il propulsore 4 cilindri 1.4 turbo Multiair da 180 CV, abbinato alla trasmissione manuale a 6 marce o automatica doppia frizione sempre a 6 marce. Con molta probabilità la nuova di casa Fiat vedrà anche la versione sportiva con marchio Abarth ed in questo caso si vocifera che il propulsore potrebbe essere il 1.750 turbo in alluminio Alfa Romeo già montato sull’Alfa 4C e sulla Giulietta Quadrifoglio Verde. Nei piani Alfa Romeo però non sono previste condivisioni dei propri propulsori con auto di altri brand del gruppo e quindi potremmo avere ulteriori sorprese. Nelle prossime settimane sapremo qualcosa in più. FOTO NUOVA FIAT 124 SPIDER [Show as...

Read More