Nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: foto ufficiali e dati tecnici

Chi sperava nella versione “normale” della Giulia in questo Salone di Francoforte rimarrà deluso. Alfa Romeo infatti continua a puntare tutto sulla top di gamma, presentando ufficialmente la nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio con nuove foto, dati tecnici e prezzi.

Le Alfa Romeo Giulia, tutte “Quadrifoglio”, sono esposte in ben cinque livree: Rosso Competizione, Bianco Trofeo, Nero Vulcano, Grigio Vesuvio e Blu Montecarlo, in abbinamento agli interni in pelle e Alcantara e a pinze freno rosse, gialle e grigie.

Per bilanciare al meglio le masse, il motore e la meccanica devono essere inseriti tra i due assi. Da qui la scelta di disegnare sbalzi molto ridotti, un lungo cofano e lunghi parafanghi anteriori, un abitacolo arretrato “appoggiato” sulle ruote di trazione e parafanghi posteriori muscolosi che segnalano visivamente il punto dove la potenza viene scaricata a terra.

Nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio (13)Una linea sportiva e scultorea che esalta i riflessi sulla livrea, resa ancor più sportiva dal grande estrattore posteriore con quattro terminali di scarico, i quali trasmettono all’istante la potenza e la “cattiveria” della vettura.

Tutto questo ha permesso di ottenere il passo più lungo della categoria, contenuto in una carrozzeria tra le più compatte. Tutti i dettagli esterni, come le prese e gli sfoghi d’aria, gli elementi in fibra di carbonio, i nuovi fari anteriori e posteriori infondono cattiveria e sportività alla Giulia, con un profilo”a goccia” che ricorda la Giulietta Sprint, una delle Alfa più belle di tutti i tempi.

I nuovi gruppi ottici anteriori Xenon e posteriori a LED della Giulia, realizzati da Magneti Marelli in collaborazione con Alfa Romeo, sono stati studiati per incrementare il fascio luminoso e la diffusione della luce, con una luminosità notturna che aumenta del 200% (rispetto ai normali fari alogeni) ed un minor consumo di energia. Le luci diurne (DRL), le luci di curva, le luci di posizione e gli indicatori di direzione sono a LED.

MECCANICA

Nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio (15)La nuova Giulia Quadrifoglio è costruita su una inedita piattaforma chiamata “Giorgio” a trazione posteriore, dalla quale possono essere ricavate vetture dal segmento C al segmento E. La distribuzione dei pesi è 50/50 tra i due assi, mentre le sospensioni posteriori hanno uno schema Multilink.

Per le sospensioni anteriori invece, è stata sviluppata una nuova sospensione a doppio braccio oscillante (quadrilatero) con asse di sterzo semi-virtuale, che ottimizza l’effetto filtrante e consente di sterzare in modo rapido e preciso. È un’esclusiva Alfa Romeo che mantiene costante l’appoggio del braccio a terra durante la curva e, grazie all’impronta a terra sempre perfetta, è in grado di garantire alte accelerazioni laterali.

Debutta il Torque Vectoring che, grazie alla sua doppia frizione, consente al differenziale posteriore di controllare separatamente la coppia per ciascuna ruota. In questo modo, la trasmissione della potenza a terra migliora anche in situazioni di bassa aderenza.

Questo permette di guidare l’auto e scaricare tutta la sua potenza in modo sicuro e divertente, senza mai ricorrere a interventi invasivi da parte del controllo di stabilità.

Debutta anche l’Integrated Brake System (IBS), nuovo sistema elettromeccanico che combina il controllo di stabilità con il tradizionale servofreno. Il sistema permette una risposta istantanea del freno e una distanza di arresto record, oltre a consentire un’importante ottimizzazione dei pesi e una riduzione delle vibrazioni al pedale.

Due parole vanno spese anche per l’Aero Splitter anteriore, alettone a controllo elettronico che gestisce in modo attivo la deportanza anche a velocità sostenute.

Infine, per raggiungere il rapporto peso/potenza inferiore a 3, l’Alfa Romeo Giulia unisce ai 510 CV l’ampio impiego di materiali ultra-leggeri , come la fibra di carbonio, l’alluminio e un composito di alluminio e materiale plastico, che consente di raggiungere un peso a vuoto pari a 1.524 kg.

Ad esempio, la fibra di carbonio è utilizzata per l’albero di trasmissione, il cofano ed il tetto, mentre l’alluminio è stato utilizzato per motore, freni, sospensioni  (inclusi duomi anteriori e telai anteriori e posteriori) e molti componenti di carrozzeria, quali porte e parafanghi.

Per ridurre il peso si è intervenuti anche sul sistema frenante, con elementi di alluminio e dischi carbo-ceramici, sui sedili con struttura in fibra di carbonio e sulla traversa posteriore, realizzata con composito di alluminio e materiale plastico.

Nonostante l’ottimizzazione dei pesi, la vettura vanta la migliore rigidezza torsionale della categoria garantendo così qualità nel tempo, comfort acustico e handling anche in caso di sollecitazioni estreme.

INTERNI

alfa-romeo-giulia-interni-2

All’interno, la Giulia Quadrifoglio offre il massimo livello in termini di qualità, sicurezza, contenuti e comfort, con un design pulito ed essenziale centrato sul guidatore.

Tutti i comandi principali infatti, incluso il pulsante di accensione, sono incorporati nel nuovo volante (come sulle vetture di Formula 1), mentre l’interfaccia uomo/macchina si compone di due comandi rotativi che regolano il nuovo selettore Alfa DNA Pro ed il nuovo sistema di infotainment Connect 3D Nav.

Il posto di guida è stato “tagliato” come un tessuto, con il tunnel diagonale, la plancia leggermente ondulata e gli strumenti orientati verso il guidatore.

L’abitacolo inoltre ed è stato “cucito” con una cura artigianale e materiali preziosi, come fibra di carbonio, legni e tessuti, scelti per il loro impatto visivo e tattile e assemblati in modo da fare sentire la mano dell’uomo.

Nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio interni (2)Il nuovo sistema Connect 3D Nav di Alfa Romeo Giulia (sia per Android che per iOS) offre una sofisticata serie di funzionalità gestibili tramite il Rotary Pad sul tunnel centrale e attraverso il display TFT da 8.8 pollici integrato nella parte centrale della plancia.

Il Rotary Pad propone sia un sistema di riconoscimento vocale avanzato sia il sistema di gesture recognition, che permette di interagire con il sistema utilizzando semplicemente il movimento delle dita sul pad.

Il sistema offre inoltre la funzione di navigazione con mappe ad alta risoluzione 3D, radio DAB ed elevata velocità nel calcolo degli itinerari, disponibile anche in assenza di segnale GPS grazie alla tecnologia Dead Reckoning.

Per gli amanti della musica, debutta il sofisticato sistema audio Harman Kardon Sound Theatre che soddisfa il desiderio di un suono ricco di dettagli grazie a un migliore controllo del suono e a un segnale audio in uscita di qualità superiore.

L’amplificatore distribuisce un suono nitido attraverso un sistema a 14 altoparlanti all’interno del veicolo che garantisce una qualità audio di qualità superiore.

Nuovo selettore Alfa DNA pro

Nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio interni (4)La nuova Alfa Romeo Giulia propone il nuovo selettore Alfa DNA Pro, che modifica il comportamento dinamico del veicolo in base alle scelte del guidatore: Dynamic, Natural, Advanced Efficiency (modalità di risparmio energetico introdotto per la prima volta su un’Alfa Romeo) e ovviamente Race (sulle versioni ad alte prestazioni).

Se il cuore della vetture è il V6 da 510 CV, il cervello è lo Chassis Domain Control (CDC), sistema sviluppato sempre con Magneti Marelli che gestisce e coordina tutta l’elettronica di bordo, come il selettore DNA Pro, il sistema Torque Vectoring, l’Active Aero Splitter, le sospensioni attive e l’ESC, adattando in tempo reale l’assetto della vettura e rendendo dinamiche le mappature degli assetti del DNA Pro, sulla base dei dati di accelerazione e rotazione rilevati dai sensori.

Previene e gestisce inoltre situazioni critiche, informando in anticipo le specifiche centraline coinvolte nel sistema elettronico della vettura: chassis, powertrain, sospensioni, impianto frenante, sterzo, assistenza alla guida e differenziale in curva.

MOTORE E PRESTAZIONI

Nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio (9)Elaborato da tecnici provenienti da Ferrari, il motore dell’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio è il V6 Turbo benzina 2.9 litri da 510 CV e ben 600 Nm di coppia, che permette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 3,9 secondi e una velocità massima di 307 km/h!

Il motore, il peso ridotto e l’handling di questa berlina le hanno permesso di ottenere un giro record al Nurburgring per la categoria, fermando il cronometro a 7:39 secondi, rifilando 13 secondi alla M3 e 19 all’Audi RS4.

In Alfa Romeo hanno inoltre dedicato un’attenzione particolare alla sicurezza e la Giulia Quadrifoglio è in grado di frenare da 100 km/h a 0 in meno di 32 metri.

Anche se è il dato meno atteso, la Giulia si dimostra “best in class” anche nelle emissioni, con soli 198  grammi di  CO2/km.

La Giulia Quadrifoglio sarà abbinata alla trazione posteriore o alla trazione integrale, un tributo alle radici più autentiche del mito Alfa Romeo ma anche una soluzione tecnica che assicura prestazioni elevate e grande divertimento.

Per i primi clienti, che potranno prenotare la Giulia Quadrifoglio online tramite il sito Alfa Romeo, sarà riservata un’esclusiva versione con il Competition Package dotata di tutti i contenuti più sportivi e performanti disponibili in gamma.

Sarà la Giulia più sportiva e leggera in commercio, perfetta anche per l’uso in pista, grazie ai freni a disco carboceramici e ai sedili Sparco ultra-leggeri in carbonio.

Questa versione costituirà l’espressione più evoluta della nuova Giulia Quadrifoglio e sarà prenotabile sul sito web nei giorni successivi al salone di Francoforte al prezzo di circa 95.000 euro per l’Italia.

LANCIO E PREZZI

La nuova Giulia Quadrifoglio sarà commercializzata nell’ultimo trimestre 2015 (da ottobre) con un prezzo di 79.000 euro per la Quadrifoglio. La versione Quadrifoglio riservata ai primi clienti con Competition Package e tutti i contenuti più sportivi e performanti sarà ordinabile sul sito web e venduta ad un prezzo di 95.000 euro.

FOTO NUOVA ALFA ROMEO GIULIA QUADRIFOGLIO

Articoli simili

Author: Manuel Morlini

Share This Post On

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *