Salone di Ginevra 2015 live: Koenigsegg Regera

Il brand automobilistico svedese Koenigsegg ha portato al debutto al Salone di Ginevra 2015 la nuova Koenigsegg Regera, hypercar ibrida erede della Agera caratterizzata da uno stile unico ed estremo e da un’incredibile potenza, ma soprattutto dalla quasi assenza del cambio grazie al nuovo sistema innovativo Koenigsegg Direct Drive.

Questa nuova trasmissione KDD sincronizza i tre motori elettrici con una frizione idraulica, trasferendo la giusta coppia alle ruote posteriori ed integrando il sistema torque vectoring. Il sistema è stato preferito rispetto alle altre trasmissioni “tradizionali” perché in grado di abbassare i tempi delle cambiate del 50%, per una guida più fluida e veloce.

Tutti i sistemi elettronici, le batterie e questo nuovo cambio sono statisviluppati con la croata Rimac, la casa di supercar che ha presentato la Hypercar completamente elettrica, la Rimac Concept One.

Koenigsegg Regera Ginevra 2015 (11)La Regera è equipaggiata con un potente V8 biturbo 5.0 litri da 1.100 CV abbinato a ben 3 motori elettrici (il primo integrato nell’albero motore e gli altri due su ogni ruota posteriore) che insieme offrono 700 CV e 900 Nm di coppia, per una potenza complessiva tra V8 e motori elettrici di ben 1.800 CV ma soprattutto all’incredibile coppia di 2.000 Nm.

Tutta questa potenza permette alla Koenigsegg Regera di scattare da 0 a 100 km/h in 2.8 secondi, ma soprattutto di impiegare solo 20 secondi per raggiungere i 400 km/h! un missile!  Anche se è di poco interesse, il pacco batterie permette alla Regera di percorrere 50 km puramente elettrici.

Se la Regera vi sembra troppo potente potete spostare la vostra attenzione sulla Koenigsegg Agera RS equipaggiata sempre con il V8 biturbo 5.0 litri da 1.160 CV e 1.280 Nm di coppia senza motori elettrici, per uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di 3,0 secondi. Davvero impressionanti.

IMMAGINI KOENIGSEGG REGERA – SALONE DI GINEVRA 2015

 

IMMAGINI KOENIGSEGG AGERA RS – SALONE DI GINEVRA 2015

 

Articoli simili

Author: Manuel Morlini

Share This Post On

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *