Test drive: Citroen C4 Cactus 1.2 82 CV PureTech

La Citroen C4 Cactus è una SUV Compatta di segmento B tra i modelli più  venduti della gamma Citroen. Presentata al salone di Ginevra 2014, la Cactus è riuscita a conquistare una buona fetta del mercato del suo segmento grazie al design particolare ed innovativo degli esterni e quello ricercato ed elegante degli interni.

Il modello scelto per la nostra prova su strada della C4 Cactus è il giallo pastello “hello yellow”, abbinato agli airbump di colore nero ed ai cerchi in lega lucidi da 17″ pollici cross grey.

All’esterno la C4 Cactus ci piace davvero tanto, grazie a questo stile moderno e ricercato a “uovo” che offre finalmente qualcosa di nuovo ed inedito nel segmento delle SUV compatte. Sarà anche particolare e “strano”, ma è una caratteristica delle vetture Citroen.

L’anteriore si distingue per fari sottili a LED che fungono da luci diurne, mentre il faro vero e proprio è più in basso, inserito negli airbump anteriori. Le fiancate sono semplici e moderne, protette dagli airbump che come vedremo sono una soluzione molto efficace per evitare graffi o bozze nei parcheggi.

Il posteriore è forse la parte meno particolare dell’auto, con fari squadrati di piccole dimensioni inseriti anch’essi negli airbump posteriori, ma è ugualmente unico nel suo genere.

 

INTERNI

Test-Drive-Citroen-C4-Cactus-Interni

Se l’esterno ci ha conquistati da subito, lo stesso si può dire degli interni con tessuto bicolore nero e velluto club habana marrone, unici nel loro genere e davvero ricercati. Il design generale richiama lo stile delle valigie da viaggio, come dimostrano le maniglie interne delle portiere che riprendono la forma delle maniglie delle valigie ed il vano portaoggetti lato passeggero, che sembra una vera e propria valigia.

Per ottenere questo comodo vano portaoggetti, gli ingegneri Citroen hanno dovuto riprogettare l’airbag del passeggero perchè non c’era più spazio per inserirlo. Per questo motivo l’airbag è stato inserito nel tetto della vettura e in caso di incidente in pochi millisecondi scenderà verso il passeggero.

Test Drive Citroen C4 Cactus 1.2 cassetto portaoggettiNella parte superiore della plancia, all’altezza del vano portaoggetti, sono presenti alcuni gommini di color marrone scuro, i quali bloccano gli oggetti (come smartphone o borse) che vi si appoggiano in modo molto efficiente. Possono sembrare poco efficaci, ma in realtà bloccano saldamente gli oggetti anche nelle curve.

Il volante è moderno e tagliato nella parte inferiore per agevolare l’ingresso e l’uscita dall’abitacolo, disponibile anche con la corona bicolore nero/marrone come nel nostro modello in prova. La plancia si sviluppa in orizzontale con due schermi LCD per cruscotto e sistema di infotainment, i quali sembrano “appoggiati” sulla plancia.

Il sistema di infotainment con schermo touch da 7″ pollici è intuitivo e con una risposta del touch screen abbastanza veloce, ma durante i viaggi il menu tende a distrarre chi guida, come vedremo nella prova su strada.

Particolare e unico il bracciolo centrale (optional) che oltre ad essere un comodo poggiagomito, può essere “manipolato” ed andare a chiudere lo spazio tra i due sedili anteriori. In questo modo è come se si formasse un divanetto unico all’anteriore, davvero piacevole alla vista e vintage.

Come avrete capito gli interni di questa vettura ci hanno colpito e li troviamo davvero unici, ma non mancano i difetti purtroppo. Se il design è ricercato e riuscito, non si può dire lo stesso dei materiali e delle finiture.

Test Drive Citroen C4 Cactus 1.2 Interni (8)Le plastiche sottoplancia sono dure e di livello medio, così come le imbottiture e le plastiche dei pannelli porta, anche se tutto è ben assemblato e solido. L’aletta parasole del passeggero non ha lo specchio integrato e mancano anche le maniglie di appiglio sul soffitto per tutti gli occupanti. Al posteriore infine, mancano le luci di cortesia.

Le finiture in generale sono buone, ma alcuni accostamenti andrebbero migliorati, come se nel progettare interni belli e moderni si siano dimenticati di curare la qualità percepita. Poco male perchè gli interni sono sempre belli, ma un pizzico di attenzione in più l’avrebbe resa diversa dalle rivali.

Al posteriore lo spazio è buono e si viaggia comodi in 4 adulti alti 1,85 (il quinto starà un po’ stretto) e tutto l’abitacolo è illuminato dal grande tetto panoramico (optional). Altro difetto che ormai si trova su molte auto sono i vetri posteriori ad apertura a compasso, i quali non si possono richiedere elettrici nemmeno sulla versione top di gamma.

Test Drive Citroen C4 Cactus 1.2 bagagliaioCapiamo bene che i vetri posteriori vengano utilizzati poco e che si cerca di risparmiare il più possibile su prezzo e peso (-11 kg), ma il vetro elettrico (o almeno manuale) posteriore, a nostro parere, deve esserci.

Il bagagliaio offre una capacità di 358 litri, in grado di trasportare due grandi trolley e tutte le buste della spesa che vorrete.

Abbattendo il divanetto posteriore la capacità sale a 1.280 litri, con un piano di carico regolare, ben sfruttabile, ma interrotto da un gradino creato dallo schienale del divanetto posteriore.

La soglia di carico forse è un po’ troppo alta, ma ci si fa l’abitudine.

 

Allestimento, dotazione e prezzo:

La Citroen C4 Cactus utilizzata nel nostro test drive è in allestimento Evolve, allestimento intermedio che unito al pack Navigation (600 euro) e al pack Auto (500 euro), offre una buona dotazione di serie anche dal punto di vista dell’infotainment. Vi consigliamo gli interni bicolore nero/marrone come quelli della nostra prova, davvero belli e vintage. Di seguito optional e prezzo della vettura in prova.

Esterni   Interni  
 Colore “Hello Yellow”  300 euro  Sedili in tessuto bicolore nero/marrone  250 euro
 Cerchi in lega da 16″ pollici  350 euro  Volante in pelle bicolore con inserti cromati  di serie
 Specchietti esterni elettrici  di serie  Pack Navigation (Navigatore da 7″, Radio CD MP3 con 2 altoparlanti)  600 euro
 Airbump di colore nero  di serie  Pack Auto (Clima automatico, fari automatici, sensore pioggia)  500 euro
 Fendinebbia  200 euro  vetri elettrici anteriori (post. compasso)  di serie
 Calotte specchietti esterni nere  di serie  Radio DAB
 150 euro
 Barre longitudinali sul tetto  di serie  Divanetto posteriore diviso  no
     Bracciolo anteriore   di serie
 Sicurezza      
 Sensore pioggia  di serie    
 Monitoraggio pressione pneumatici  di serie  
 
 Sensori di parcheggio (ant e post)  di serie  
 
 Fari anteriore a LED e automatici  di serie  Allestimento
 Feel
 Sensori di parcheggio (ant e post)  di serie  
 
 Kit gonfiaggio pneumatici  di serie  Prezzo
 19.050 euro

 

SU STRADA

Test-Drive-Citroen-C4-Cactus-1.2-prova-su-stradaA bordo della C4 Cactus la posizione di guida è molto buona nonostante il volante non sia regolabile in profondità, con un’altezza più bassa rispetto alla media delle SUV ma comoda e con una grande visuale.

All’accensione, il motore 3 cilindri 1.2 non trasmette vibrazioni nell’abitacolo ed il rumore è ben filtrato. Sin dai primi metri percorso con la Cactus ci si accorge di una mancanza: lo schermo alle spalle del volante visualizza solo la velocità ed il livello della benzina, senza visualizzare contagiri, temperatura dell’acqua e altri dati utili.

Così, per cambiare marcia, o si fa affidamento al proprio orecchio o si segue la freccia rossa del computer di bordo che suggerisce quando si deve aumentare o scalare marcia.

Tutte le altre indicazione come consumi, indicazioni del navigatore e trip computer vengono visualizzati nel grande schermo centrale touch screen, il quale offre una risposta abbastanza veloce ai comandi touch e offre una grande varietà di impostazioni nel menu.

Come abbiamo detto spesso però, questi sistemi di infotainment tendono a distrarre alla guida, perchè nel caso in cui si ascoltino brani musicali dalla radio o dalla chiavetta USB e allo stesso tempo si voglia modificare la temperatura interna, occorre spostarsi nel menu “climatizzatore”, distogliendo gli occhi dalla strada. Ovviamente basta prendere confidenza con i comandi e tutto diventa veloce e abbastanza intuitivo, diminuendo le distrazioni..

Test-Drive-Citroen-C4-Cactus-1.2-prova-su-strada-2Su strada, la C4 Cactus è agile con uno sterzo leggero e preciso che contribuisce ad infondere una sensazione di “leggerezza” nel guidare la vettura, come se stessimo guidando una C3 per capirci.

I cambi di direzione sono abbastanza precisi nonostante un principio di rollio dovuto alla taratura morbida delle sospensioni, pensate ovviamente per privilegiare il confort. Nelle curve veloci, il limite viene raggiunto in fretta con un evidente sovrasterzo controllato prontamente dall’ESP, ma è del tutto normale in questo genere di vetture pensate per la città.

L’assetto è tarato sul confort e anche su tratti sconnessi le buche vengono assorbite bene senza vibrazione nell’abitacolo, anche se qualche rumore penetra all’interno.

Il nuovo 3 cilindri benzina 1.2 PureTech aspirato da 82 CV spinge abbastanza bene ed è adatto soprattutto alla città. La frizione è leggera e le prestazioni sono buone, permettendo sorpassi in tranquillità. Il cambio a 5 marce è fluido e con innesti precisi, anche se in terza e quarta marcia è rumoroso e mantiene quella “gommosità” presente in tutti i cambi delle auto francesi, caratteristica che si ama o si odia.

Se messa alle strette, la cactus offre una ripresa buona ed innesti abbastanza fluidi, senza impuntamenti del cambio o vuoti di potenza del motore, rendendo l’esperienza di guida gradevole ma senza troppe pretese.

Test Drive Citroen C4 Cactus 1.2 Interni (15)Il motore benzina offre consumi molto buoni, con oltre 16 km/l in città e quasi 18 km/l nelle tangenziali, valori ottenuti anche grazie al peso ridotto della Cactus (circa 1.040 kg) ma davvero buoni se si pensa all’assenza della sesta marcia e che il motore è un benzina. La frenata è pronta e decisa, con uno sforzo minimo sul pedale.

Oltre alla buona esperienza di guida ed ai consumi molto buoni, la Cactus ha un asso nella manica, una caratteristica che nessun’altra auto al mondo può offrire: gli AirBump. Alcuni li trovano antiestetici, altri non capiscono il loro significato, ma basta una sola giornata per apprezzarli.

Gli AirBump sono delle capsule in plastica piene d’aria in grado di assorbire gli urti, poste all’anteriore, al posteriore ma soprattutto sulle fiancate. Cosi quando andrete a fare shopping o a fare la spesa e troverete un parcheggio striminzito, non dovrete avere paura che qualcuno vi bozzi la portiera o faccia qualche graffio, perchè gli AirBump la proteggeranno.

Infatti sia che voi apriate la portiera, sia che le vetture a lato le aprano senza fare attenzione, gli AirBump eviteranno il danno e la vostra carrozzerie (o quella degli altri se siete poco attenti).

Lo steso vale per gli AirBump anteriori e posteriori. Questi infatti sono inseriti negli angoli più sporgenti della vettura, in modo tale che se durante le manovre urterete un paletto qualsiasi altra cosa, la carrozzeria sarà protetta a dovere.

Ovviamente, per aiutarvi nelle manovre, sono disponibili i sensori di parcheggio ed il parcheggio automatico che funziona davvero bene.

CONSUMI

 Città  Statali  Autostrada
 6,6 l/100 km (15 km/l)  5,5 l/100 km (18 km/l)  7,7 l/100 km (13 km/l)
     
 Guida Attenta  Guida Sportiva  Consumo medio
 5,2 l/100 km (19 km/l)  9 l/100 km (11 km/l)  6,5 l/100 km (15,5 km/l)

 

MOTORE, CONSUMI E PRESTAZIONI

La C4 Cactus in prova è equipaggiata con il motore benzina aspirato 3 cilindri 1.2 litri da 82 CV e 118 Nm di coppia, abbinato al cambio a 5 marce. La filosofia di Citroen prevede la riduzione delle cilindrate dei motori e del numero di cilindri, puntando su motori benzina e Diesel dai bassi consumi e dai bassi costi di gestione piuttosto che su carburanti alternativi come GPL o Metano. La bassa cilindrata, il cilindro in meno ed il peso contenuto (soli 1.040 kg) hanno permesso di ottenere emissioni di CO2 pari a soli 107 g/km. Di seguito le prestazioni del motore in prova:

Motore  1.2 PureTech (3 cilindri) 2WD
Potenza/Coppia  82 CV e 118 Nm
0-100 km/h  12,9 secondi
Velocità max  171 km/h
Cambio  Manuale a 5 marce
Consumo medio  4,6 l/100 km (6,5 rilevato)
Emissioni CO2  107 g/km
Start/Stop  no
Classe ambientale  Euro 6

 

IL NOSTRO PARERE

Test Drive Citroen C4 Cactus 1.2 (2)La Citroen C4 Cactus è una crossover compatta unica nel suo genere, in grado di offrire uno stile interno ed esterno davvero particolare e innovativo, diverso da quello che solitamente si trova nel panorama automobilistico.

L’esterno è riuscito soprattuto nelle colorazioni bianco con AirBump cioccolato o giallo con aitbump neri, ma in generale le linee le permettono di essere gradevole in qualsiasi colorazione.

Gli interni sono ricercati, semplici e razionali, anche se con alcuni difetti come i vetri a compasso, l’assenza delle maniglie sul soffitto e alcune finiture  andrebbero rivisti e migliorati.

L’esperienza di guida è gradevole e confortevole, con il 1.2 3 cilindri privo di vibrazioni e con prestazioni più che buone. Il cambio a 5 marce è preciso ma leggermente rumoroso e dagli innesti gommosi, ma la guida è abbastanza fluida e veloce.

I consumi, la comodità interna ed il bagagliaio sono i punti di forza della Cactus, con 16 km/l di media e sospensioni tarate per assorbire bene le buche. Peccato epr qualche rumore interno nei tratti più sconnessi, ma niente di grave.

La C4 Cactus ci ha convinto in molti aspetti e possiamo dire che è tra le più particolari del segmento delle crossover, quasi unica per design e soluzioni innovative (come gli AirBump e l’assenza di pulsanti). Se a tutto questo aggiungiamo una grande agilità in città, buon confort, buona dotazione e prezzo inferiore alle concorrenti, diventa davvero una rivale temibile per le concorrenti.

Consumi

Design interno

Confort

Plastiche e qualità interna

Vetri a compasso

 

IMMAGINI TEST DRIVE CITROEN C4 CACTUS

Articoli simili

Author: Manuel Morlini

Share This Post On

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *