Jeep continua il record di vendite in Europa

Jeep annuncia l’ennesimo record di vendite. A giungo, per il diciottesimo mese consecutivo, Jeep continua a crescere registrando il miglior mese di sempre, con 8.500 unità vendute in Europa ed un aumento del 176% rispetto a giugno 2014.

Inoltre, sempre rispetto al 2014, giugno è stato il migliore mese di vendite in alcuni dei maggiori mercati europei con un aumento del 491% in Francia, 358% in Spagna e 309% in Italia.

Con oltre 5.400 unità vendute, la Jeep Renegade (qui la nostra prova su strada) ha registrato a giugno un significativo successo commerciale ed ora è saldamente tra le vetture più vendute del suo segmento in alcuni dei maggiori mercati europei e nella top 5 in Italia.

Il record di vendite è dovuto anche alla Grand Cherokee, che a giugno ha visto una crescita del 18% diventando una delle più vendute del suo segmento in alcuni importanti mercati ed entrando anch’essa nella top 5 in Italia, Svizzera e Polonia.

Nuova-Jeep-CherokeeAnche l’iconica Jeep Wrangler ha dato il suo contributo, con un aumento di circa il 50% a livello europeo e con punte del 79% in Gran Bretagna, 60% in Germania e 57% in Spagna rispetto a giugno 2014.

Il secondo trimestre Jeep ha visto 23.000 unità vendute, miglior dato di sempre in Europa per il marchio Jeep con un incremento del 161% sempre rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Nel primo semestre 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, le vendite di Jeep aumentano del 174% in Europa registrando 45.000 vetture vendute: il mercato francese è in testa con una crescita del 328%, seguito da Spagna e Italia.

Sempre nello stesso periodo, le vendite di Cherokee hanno segnato un significativo incremento del 168% in Europa, con punte del 231% in Svizzera, 165% in Italia e 108% in Germania).

Il brand americano del gruppo FCA continua a registrare record e grandi numeri, ma ulteriori novità per la gamma sono in arrivo, come il restyling della Cherokee ed una nuova Patriot/Compass.

Articoli simili

Author: Manuel Morlini

Share This Post On

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *